Gli affitti brevi: la registrazione degli ospiti in questura

L’attività degli affitti brevi (o locazione turistica) è  in grande crescita. Infatti sono sempre di più i proprietari/gestori che optano per l’affitto breve con la modalità della casa vacanze o della locazione pura. Rispetto all’affitto tradizionale, la gestione di una casa vacanze o di un appartamento Airbnb consentono guadagni del 50% più alti e di evitare un eventuale inquilino moroso. Una volta che arrivano gli ospiti però, l’host dovrà registrare questi ultimi sul portale alloggiati web della Questura, in modo da svolgere in piena regola l’attività turistica.

Il portale alloggiati web

Ai sensi dell’art. 109 del Testo Unico delle leggi sulla pubblica sicurezza, tutti i proprietari di strutture alberghiere, case vacanze o appartamenti turistici hanno l’obbligo di comunicare le generalità degli ospiti sul portale alloggiati web entro 24 h da loro arrivo. Il portale alloggiati ha sostituito il metodo cartaceo delle schedine  che dovevano essere compilate per poi inviate alle autorità di pubblica sicurezza. Qualora la comunicazione degli ospiti non sia fatta entro le 24 h, potrebbe determinare l’applicazione di sanzioni ai proprietari, a meno che non si dimostri il non funzionamento del pc avvisando immediatamente la Questura.

Il funzionamento del portale

Per comunicare gli ospiti è necessaria la registrazione sul portale e la procedura varia da regione a regione. In genere occorre recarsi al commissariato territorialmente competente (ovvero relativo alla zona dove si trova la struttura turistica) e richiedere, compilando un apposito modulo, le credenziali di accesso. Una volta ricevute le credenziali, si entra nel portale e si selezionano regione e provincia di dove si trova la casa vacanze fornendo tutti i documenti necessari. Terminata l’iscrizione, si potranno inviare i documenti degli ospiti.

Modalità di registrazione degli ospiti

Prima di inviare la comunicazione alla Questura, una volta che gli ospiti sono arrivati, è necessario che il proprietario della struttura compili la scheda presente nel portale alloggiati web. Ma come avviene di fatto la registrazione? Le modalità sono due:

  • metodo automatico: le informazioni degli ospiti vengono inserite in una sola volta tramite l’invio di un file testuale che segue la struttura di riferimento;
  • metodo manuale: il proprietario deve inserire tutti i dati dell’ospite da un documento di identità valido (carta di identità o passaporto).

Oltre alle generalità bisogna specificare la data di arrivo dell’ospite, la durata del soggiorno e eventuali accompagnatori.

Mancata comunicazione degli ospiti e le sanzioni

La mancata comunicazione delle generalità degli ospiti alla Questura, entro le 24h dal loro arrivo, comporta la violazione dell’art. 109 del T.U. delle leggi sulla pubblica sicurezza. In tal caso è prevista una sanzione con arresto fino a 3 mesi o ammenda fino a 206 €.

Qualora un proprietario dovesse incorrere più volte in questa violazione, sarà considerata l’aggravante.

I proprietari che intendono intendono affittare la propria casa vacanze per brevi periodi con Airbnb o Booking,  possono richiedere, attraverso le piattaforme, la prenotazione dei soli ospiti che forniscano un documento di identità valido al momento dell’arrivo nella struttura.

 

Se stai pensando di mettere sul mercato un immobile con la formula dell’affitto breve e di guadagnare con Airbnb , affidati a MyBnb. Start up specializzata nella consulenza turistica (avviamento e miglioramento di strutture turistiche extra-alberghiere, legale e fiscale) e, attraverso l’utilizzo della piattaforma Airbnb, nella gestione degli appartamenti turisti a Napoli. MyBnb gestirà direttamente anche la comunicazione questura – ospiti – Airbnb.