I 5 errori in un annuncio Airbnb più comuni

Hai preparato in tutta fretta il tuo annuncio di Airbnb: “Splendida casa in centro”, fotografie scattate col cellulare e lo hai messo online, aspettando subito la prima prenotazione. Niente di più sbagliato, visto che stai incorrendo di sicuro in almeno uno degli errori in un annuncio Airbnb!

Gli annunci Airbnb preparati in maniera non professionale sono, infatti, spesso pieni di errori che si possono sistemare in pochi minuti. Fotografie che non valorizzano gli ambienti, prezzi inadeguati al mercato (troppo alti…o troppo bassi!) e descrizioni che non sono accattivanti caratterizzano fin troppi annunci. Niente paura, però.

È normale, per chi ha iniziato da poco, non riuscire ad ottimizzare il proprio annuncio Airbnb e commettere errori di questo tipo. Fortunatamente si tratta di aspetti migliorabili senza troppo sforzo e che possono, allo stesso tempo, far far un salto di qualità importante all’annuncio.

1. Hai spuntato tutte le voci utili per apparire nelle ricerche filtrate?

Cerca il tuo annuncio Airbnb come se fossi un turista. Prova ad immedesimarti nel tuo ospite-tipo e inserisci i vari filtri che potrebbero interessare: un prezzo competitivo, il numero di ospiti giusto, la disponibilità del parcheggio o la possibilità di ospitare anche animali domestici sono fattori troppo spesso ignorati da chi si trova per la prima volta a creare un annuncio su Airbnb.

2. Non dimenticarti di tradurre i testi in un’altra lingua!

Hai mai provato a cercare il tuo annuncio nella versione inglese del sito? Se la risposta è no, rimedia subito! La maggior parte dei viaggiatori non parla l’italiano e, per questo, è importante compilare ogni scheda dell’annuncio Airbnb anche in lingua inglese per non commettere uno dei più gravi errori in un annuncio Airbnb. Prova a vedere come appare il tuo annuncio se letto da un inglese o da un tedesco, per esempio, per apportare le giuste modifiche!

3. Come hai impostato la disponibilità calendario?

Sempre come se fossi un turista, prova a sperimenta i prezzi giornalieri, settimanali o mensili del tuo alloggio. Prova a cliccare una data precisa di 7 o 30 giorni come se volessi prenotarti casa tua e vedi se tutto quadra. Se il prezzo ti appare spropositato o se l’offerta è decisamente troppo bassa rispetto ai tuoi competitor, qualcosa non è andata per il verso giusto e hai commesso uno dei più frequenti errori in un annuncio Airbnb. Prova ad apportare qualche modifica e tieni traccia dei progressi: si tratta di un lavoro che richiede calma e una buona capacità di analisi. Fortunatamente, MyBnb offre un servizio che ti permette di impostare automaticamente il miglior prezzo giorno per giorno, tenendo conto di quella che è la domanda in un dato periodo e anche dell’offerta dei tuoi diretti concorrenti!

4. Anticipa le domande degli ospiti!

Sebbene esista una percentuale di persone che decide di non leggere tutti i testi, la maggior parte dei tuoi potenziali ospiti, incuriositi dal tuo annuncio, decideranno di approfondire per convincersi di aver fatto la scelta giusta. Scrivi testi accattivanti, racconta cosa rende la tua casa imperdibile e perché il tuo quartiere è quello giusto per un breve soggiorno in città. C’è parcheggio? È vicino ai mezzi pubblici? Quanto è lontano dal mare/aeroporto/metro ecc… può ospitare un bambino piccolo? Quanti posti letto ci sono? C’è il wifi? Ricordati di scrivere un annuncio di Airbnb che risponda a tutte le principali domande che un turista può farsi prima di prenotare. Quando inizi a scrivere un annuncio di Airbnb non dimenticare di parlare anche di te! Gli ospiti saranno contenti di avere qualche informazione in più sul padrone di casa!

5. Fotografie: tante e ben fatte

Foto buie, sgranate, storte e che ritraggono ambienti disordinati. Sono questi i più frequenti errori in un annuncio Airbnb! Le fotografie di un annuncio rappresentano il primo strumento per catturare l’attenzione di un viaggiatore. Ecco perché, oltre a un servizio fotografico professionale di qualità per la tua casa vacanze, è necessario corredarle di dettagli precisi e caricarle seguendo un ordine preciso e logico, partendo dalla foto di copertina che ritragga lo spazio più interessante della casa (un giardino, per esempio, oppure un bel panorama!) e proseguendo con camera da letto, salotto, cucina e bagno.